Martedì, 01 Agosto 2017 08:10

Lotta ai microrganismi dello sporco: natura e applicazioni dei disinfettanti

Rate this item
(0 votes)

Un disinfettante è un composto chimico in grado di eliminare i microrganismi (batteri, virus etc) presenti su materiali inerti e superfici. I disinfettanti vanno distinti dai detergenti in quanto quest’ultimi non hanno un’azione battericida ma solamente pulente. I requisiti che un disinfettante ottimale dovrebbe avere sono: - funzione biocida ad ampio spettro (capacità di eliminare i microrganismi sui quali viene impiegato); - alta affidabilità in termini di sicurezza (non deve danneggiare né l’uomo né i materiali trattati); - qualità e facilità di applicazione. Ovviamente nessun singolo disinfettante dispone di tutti questi requisiti. Esistono però sostanze diverse adatte a specifici campi di applicazione. I disinfettanti sono suddivisibili in tre categorie: - di basso livello (ammonio quaternario), distruggono diversi batteri ed alcuni virus e miceti, ma non i bacilli tubercolari e le spore; - di livello intermedio (alcol etilico), distruggono tutti i batteri, virus, miceti e rendono inattivo il Mycobacterium tubercolosis. Non hanno efficacia sulle spore. - di alto livello (perossido d’idrogeno): distruggono tutti i microrganismi, ad eccezione di alcune spore batteriche. Se usati in modo improprio, i disinfettanti possono causare effetti indesiderati. È importante quindi sempre avere alcuni accorgimenti pratici (come evitare di rabboccare soluzioni disinfettanti diverse).

Read 349 times

Per offrire un'esperienza di navigazione migliore, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy.